Netflix, lo streaming facile e veloce

Logo Netflix

Il lancio di NETFLIX è avvenuto, in Italia, il 22 ottobre 2015 attirando subito la mia attenzione. Finalmente durante il mese di dicembre, avendo un po’ più tempo libero, ho sottoscritto un abbonamento per provare il loro servizio. Dopo quasi due mesi di utilizzo posso dire la mia su quello che trovo essere uno dei servizi più interessanti della rete.

Esisteno 3 tipi di abbonamento che si differenziano, oltre che per la qualità video, per il numero di persone che possono contemporaneamente usare il servizio. Si parte da € 7,99 per un abbonamento mensile base in qualità SD ed una sola utenza, si passa poi ad un abbonamento standard ad € 9,99, fruibile in qualità HD e su due dispositivi contemporaneamente. L’ultimo è l’abbonamento premium da € 11,99 che aggiunge la visione ultra HD (connessione internet e tv permettendo) ed estende l’utenza a 4 dispositivi. In pratica ci si può mettere d’accordo in 4 amici per dividersi l’abbonamento, ognuno avrà un suo profilo con le proprie preferenze pagando solo 3 euro al mese.

Ho utilizzato NETFLIX su apple tv e computer, con linea fibra telecom e adsl standard che non supera i 4Mbps. La connessione con fibra ovviamente non ha avuto alcun intoppo: film subito pronti alla visione e nessun blocco, ma gli stessi risultati li ho avuti anche con quella linea adsl che a volte tentenna con youtube. La partenza del film è immediata e la qualità video si aggiusta automaticamente in base alla banda disponibile

Per quanto riguarda la quantità dei contenuti disponibili, se è vero che nei primi tempi il numero era relativamente basso, ogni due/tre giorni vengono aggiunti film e serie tv e ad oggi ci sono tantissimi contenuti dei quali usufruire. La qualità e quantità delle serie tv poi è notevole, ed è proprio su queste che la piattaforma sembra puntare maggiormente. Se poi aggiungiamo i film ed i documentari allora l’offerta diventa sicuramente allettante.

Qualità ottima, quantità in continuo aumento, prezzo conveniente, facilità di utilizzo. Se si vuole tutto questo NETFLIX è una opzione validissima. Il primo mese l’iscrizione è gratuita quindi anche provare non costa veramente nulla.

Agenda FaiDaTE – Bullet Journal

Ogni anno comincio a tenere un’agenda con le cose da fare, gli appuntamenti i promemoria ecc.

Ogni anno l’agenda finisce inutilizzata in un cassetto. Questo avviene per svariate ragioni: mi dimentico di usarla, non mi piace, non ha un’organizzazione che mi soddisfi…ma il motivo principale è sempre lo stesso: non mi diverte tenerla in ordine e aggiornata.

Da qualche mese però ho scoperto un metodo denominato Bullet Journal

Guardando il video si capisce bene di cosa si tratta:  è un metodo per creare una propria agenda personalizzata, utilizzando un comune quaderno. Vengono suggerite varie tecniche per gestire l’agenda, ma la cosa più importante è la personalizzazione. Non bisogna decidere su come impostarla da subito: tolte alcune piccole regole per non trovarsi in mancanza di pagine, per il resto l’agenda sarà un oggetto in divenire.

Da quando l’ho iniziata ho già superato ogni record personale di utilizzo e questo perchè non si tratta semplicemente di prendere appunti e segnare appuntamenti, oramai compilarla è diventato divertente e rilassante, un modo per riassumere la giornata e pianificare il futuro prossimo.

Come “quaderno” meglio prenderne uno dotato di parecchie pagine, completamente bianche o, meglio ancora, a quadretti o puntinato, meno indicati quelli a righe. La quadrettatura, o puntinatura, facilita il meccanismo di schematizzazione e mantiene un colpo d’occhio più ordinato.  Il Webnotebook di Rhodia o il Leuchtturm1917 sono meravigliosi: hanno una carta di qualità eccelsa, ampia dotazione di pagine e copertina rigida in similpelle, purtroppo non sono proprio a buon mercato e difficilmente si trovano in cartoleria. Io ho preso il Rhodia su un sito specializzato (GoldPen), mentre il Leuchtturm è disponibile su Amazon.

Infine la penna, anzi le penne da utilizzare. Stilografica la mia scelta, comunque che sia ad inchiostro liquido, sicuramente più bello di tutte le varianti a sfera.

Buoni propositi 2016 – Libri

Il 2016 è già cominciato da qualche giorno e come ogni anno mi sono ripromesso di leggere quanti più libri possibile.

Comincio dunque con questo che avevo parcheggiato sul comodino già da qualche tempo:Copertina-di-1Q84

1Q84 di Haruki Murakami. Romanzo pubblicato originariamente in tre volumi tra il 2009 ed il 2010 è considerato tra i suoi maggior successi.

Sempre dello stesso autore va poi assolutamente letto Norwegian Wood.

Al secondo posto della mia personalissima lista di libri da leggere prossimamente c’è Neuromante, primo romanzo dello scrittore di fantascienza William Gibson.

neuromanteConsiderato unanimemente il manifesto del genere cyberpunk è stato pubblicato in Italia nel 1986 e fa parte della cosiddetta Trilogia dello Sprawl, composta da i successivi “Giù nel cyberspazio” e “Monna Lisa Cyberpunk”.

Buon Anno nuovo e buone nuove letture.